Rischio Chimico

Cataloga le sostanze che utilizzi e previeni i rischi che comportano.

La valutazione dei rischi viene effettuata prima dell’inizio attività e deve essere aggiornata ogni qualvolta siano intervenute modifiche sostanziali. Il programma DataRisCH permette di determinare attraverso un modello quantitativo ad indici e matrici il grado di rischio “moderato” e “non moderato” a cui è soggetto un operatore nello svolgimento di una determinata mansione all’interno di un determinato laboratorio. La procedura è basata su un approccio nidificato, a partire dai concetti di "operatore", "attività", "agenti pericolosi", secondo un'impostazione in cui è riconoscibile il riferimento alle strategie di valutazione del rischio chimico proposte dal Titolo IX del D.Lgs. 81/08.  La Valutazione del rischio chimico può essere effettuata sia per singolo risorsa che per gruppi omogenei di operatori.
All’interno sono presenti banche dati relative a attività lavorative, sostanze, frasiR.

Il modello è proposto quale strumento operativo rivolto ai valutatori, per focalizzare le criticità ed indirizzare in maniera più mirata gli interventi e le azioni di approfondimento della valutazione con strumenti più diretti, quali ad esempio i monitoraggi ambientali ed i monitoraggi dell’esposizione professionale, di cui in ogni caso non costituisce alterativa.
La caratteristica saliente del modello è l’estrema versatilità di utilizzo e applicazione a contesti differenti, grazie alla possibilità di configurare in maniera personalizzata il sistema ed i vari indici descrittori. Ciò consente una valutazione comparativa fra un numero anche elevato di attività differenti per operazioni e natura degli agenti manipolati, attraverso un processo di valutazione impostato nel rispetto del principio di precauzione volto all’identificazione del rischio potenziale maggiore.

Processo di valutazione :

  1. identificazione dell’operatore;
  2. per ciascun operatore, individuazione dell’insieme di tutte le attività svolte;
  3. per ciascuna di queste attività:
  4. valutazione del grado di pericolosità ad essa associato, in funzione della natura degli agenti e delle modalità di svolgimento;
  5. composizione del grado di pericolosità così ottenuto con l’esposizione, in modo da ottenere il grado di rischio per l’operatore, riferito alla singola attività in esame;
  6. composizione dei diversi gradi di rischio associati alle diverse attività, in modo da individuare il rischio complessivo a cui l’operatore è esposto.

Il rischio specifico derivante dall’attività è calcolato in funzione dei seguenti fattori:

  1. fattore Pericolosità P funzione della natura dei rischi associati all’utilizzo degli agenti chimici coinvolti nell’attività, compresi i preparati nuovi derivanti dalle attività di ricerca e non ancora o non sufficientemente caratterizzati;
  2. fattore Quantità Q dell’agente utilizzato;
  3. fattore Tempo T, in funzione della durata dell’attività in sé e della frequenza di svolgimento;
  4. fattore Intensità di Esposizione E, in funzione della natura dell’attività, delle procedure operative e delle misure di prevenzione e protezione adottate nella sua esecuzione, con attribuzione di particolare rilievo alla componente organizzativa riguardante sia l’esecuzione delle attività, sia la gestione dei luoghi di lavoro.

L’apporto fornito dal software Datarisch nell’operazione di valutazione del rischio si può riassumere in:

  • semplificazione e velocizzazione delle procedure della valutazione dei rischi;
  • costruzione e costante aggiornamento di un archivio degli agenti chimici pericolosi utilizzati, di modelli di attività e modelli di luoghi di lavoro;
  • definizione di queries di interrogazione su tutti i campi della scheda;
  • messa in evidenza di analogie fra situazioni lavorative simili, per un tentativo di categorizzazione delle attività;